Hot! Life on Mars (UK): la serie


Come si fa a essere obiettivi con qualcosa che ci ha così profondamente colpito, che ha inciso così tanto in ciò che siamo, in ciò che pensiamo? Una volta qualcuno ha detto che ci sono due tipi di film: quelli che  ti piacciono e quelli che ti prendono.

Riesco a capire il valore innegabile e superiore di un film di Chaplin, ma questo non mi impedisce di amare maggiormente Jesus Christ Superstar per motivi più intimi e personali.

Ma cosa succede se capolavoro incontra gusto personale? Se estetica incontra etica?

Life on Mars ovvero la serie più innovativa, intelligente, ben scritta e recitata degli ultimi 15 anni.

Mentre indaga su un omicidio, Sam Tyler ( , detective capo della polizia di Manchester, si ritrova catapultato nel 1973 e come recita lo slogan “Am I mad, in a coma, back in time?

La serie, che fino a quel momento sembrava un semplice poliziesco, vira, cambia rotta mantenendo in perfetto equilibrio generi diversi: poliziesco, giallo, dramma, fantascienza. Li mescola insieme riuscendo a creare un mix irresistibile che da’ dipendenza e non lascia scampo.

Merito innanzitutto di una scrittura pregnante, densa, ricca ma mai pesante, noiosa o prevedibile. Una scrittura capace di creare situazioni drammatiche subito bilanciate da un umorismo e battute assolutamente fantastici:

 Big tits. Arse like two Cox’s Pippins in a bag…

 - She sounds enigmatic…

- No. She was from Barnsley

Merito di una colonna sonora che attinge alla grande stagione degli anni ’70 riuscendo ad esaltare le scene e a coinvolgere lo spettatore.

Merito di personaggi delineati così bene che sembrano reali. Ci entrano nel cuore e impariamo ad amarli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore

Mara Perri

Lascia un Commento


*

La tua mail non verrá pubblicata. I campi con * sono obbligatori